F. C. INTER – Atalanta : 7 – 1 : (17’, 23’, 26’ Icardi, 31’, 34’ e 67’ st Banega, 52’ st Gagliardini)

“Cinque gol in 17 minuti non li fa nemmeno il Barcellona”. In casa Inter, sugli spalti, quando le cose vanno bene, ci si fa prendere dall’ euforia. “Ha segnato Freuler, adesso ci rimontano” : sugli spalti nerazzurri hanno imparato a non fidarsi troppo, ed esagerano. Esagerata è anche la vittoria dell’Inter in quella che era una sfida diretta per l’Europa: 7-1, Atalanta spazzata via, nonostante una partenza per nulla timorosa. L’Inter fa a pezzi i rivali con una voglia e una foga da grande d’Europa, di quelle che non si fermano mai. Così la vittoria assume proporzioni, se non epiche, almeno storiche: i nerazzurri non segnavano 5 gol in un tempo dal 1964, l’Atalanta non ne incassava 7 dal 1990. Il tutto, comprese le triplette di Icardi e Banega, si traduce nel sorpasso in classifica: 54 a 52, temporaneo quarto posto.

TRIPLO ICARDI — Icardi prende il libro delle favole dell’ Atalanta, strappa qualche pagina e ci scrive grosso “Fine” nel giro di nove minuti. Il verdetto non è definitivo, ma Maurito lo ribadisce tre volte, con una tripletta che più completa non si può. Sinistro al 17’ da distanza ravvicinata dopo una punizione di Banega fermata dalla barriera, con palla che resta lì. Destro, o meglio cucchiaio, sul rigore che si era procurato (uscita a valanga di Berisha), dopo un controllo magico sulla torre di Perisic. Colpo di testa su cross di Banega: tutto il repertorio, più tutta la voglia che potete immaginare. Siamo a 20 gol in A.

QUINTUPLO BANEGA — Icardi non è mai stato in discussione, nemmeno nei momenti neri. Ma vogliamo parlare di Banega? Lui era ai margini anche nella fase di risalita. Rispolverato una settimana fa dopo 6 gare in panchina, aveva segnato. Oggi esonda, erutta, travolge: tre reti (prima tripletta in carriera), due assist. I gol del 4 e 5 a zero sono trasformazioni in area su cross di Perisic, quello del 7-1 una punizione perfetta che aggira la barriera. In mezzo aggiunge al cross per Icardi l’ assist per l’ex Gagliardini (tiro nel sette) e una serie di cambi-campo come ai tempi del Siviglia. Questo è il giocatore che conoscevamo, la qualità se supportata dalla squadra fa sempre bene, anche in Italia.

CONFRONTI DIRETTI — Quei due dominano, ma l’Inter vince semplicemente tutti i confronti diretti. L’Atalanta dura un quarto d’ora, in cui va vicina al gol con il Papu Gomez, poi scompare. Kondogbia eclissa l’astro nascente Kessie, e chiunque passi dalle sue parti, Miranda annulla Petagna, Icardi abusa di Caldara, Candreva “pialla” Conti, persino D’Ambrosio non soffre Gomez e sorprende Spinazzola.

CORI PER PIOLI E GASP — Insomma, tutto quello che sapevate sull’Atalanta è sbagliato, parafrasando gli U2 di parecchi anni fa. O almeno sembra sbagliato in una giornata in cui l’Inter recita da grande. San Siro amaro per Gasperini, che oltre ai 7 gol si prende qualche coro di insulti. Per la prima volta, invece, la Nord sul 3-0 fa partire un coro personalizzato per Stefano Pioli, apprezzato da tutto lo stadio. Un segnale anche per il futuro? Nel giorno del 7-1, tutto è possibile, anche se le cose, in nerazzurro, tendono a cambiare in fretta.

 

F. C. INTER – Atalanta : 7 – 1 : (17’, 23’ (rig.) 26’ Icardi , 31’, 34’ pt e 67’ st Banega, 52’ st Gagliardini)

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi; Gagliardini, Kondogbia; Candreva, Banega (25’ st Joao Mario), Perisic (37’ st Eder); Icardi (32’ st Palacio). A disposizione: Carrizo, Andreolli, Murillo, Nagatomo, Sainsbury, Santon, Biabiany, Brozovic, Gabigol.
Allenatore: Pioli

ATALANTA (3-4-2-1): erisha; Toloi, Caldara, Zukanovic; Conti, Kessie (16’ st Bastoni), Freuler, Spinazzola (24’ st D’Alessandro); Kurtic, Gomez (15’ st
Mounier); Petagna. A disposizione: Gollini, Rossi, Konko, Cabezas, Raimondi, Hateboer, Cristante, Grassi, Paloschi. Allenatore: Gasperini

ARBITRO: Irrati di Pistoia

MARCATORI

NOTE: Ammoniti:
Icardi (I), Ansaldi (I),
Gagliardini (I), Toloi (A), Berisha (A), Zukanovic (A), Kurtic (A)
Espulsi: -. Angoli: 6-7 per l'Atalanta. Recupero: 0' pt, 0' st

Fonti:

http://www.inter.it

http://www.corrieredellosport.it/