F. C. INTER – Genoa : 1 – 0 (D’Ambrosio 87’)

No, l’Inter non si stacca, non ancora. Arranca, suda, fatica. Vede allontanarsi i battistrada, poi trova l’ultima spinta per piegare il Genoa e non ripetere la frenata dell’ ultimo turno. La “botta di vita”, in un pomeriggio sonnacchioso, arriva da Yann Karamoh, classe 1998, inserito a 20’ dalla fine. Nel tabellino dei marcatori c’è D’Ambrosio, ma è da un tiro improvviso del ragazzo che nasce l’angolo che il terzino di testa trasforma il gol. Dopo ne fa ammonire due e espellere uno (Taarabt), accendendo i 50mila di San Siro, che fin lì si erano sorbiti la solita solfa di passaggi orizzontali, conditi da sparute iniziative di Perisic e Brozovic.

NON È — Non è la soluzione a tutti i problemi, ma almeno il franco-ivoriano è un’alternativa in una squadra che si è un po’ “incartata” nella sua formazione tipo e nelle sue contraddizioni e assenze di ritmo. La vittoria sul
Genoa non è un trionfo, ma mantiene Spalletti nella scia delle prime due e lo allontana da Milan, a due settimane dal derby. Per lo spettacolo serve altro (forse pure altri uomini) e partite giocate così sarà più facile pareggiarle che vincerle, in futuro. Non è da Champions, oggi come oggi, l’Inter. Ma ce ne sono quattro che lo sono di più?

CENTROCAMPO — Giù Spalletti, come ormai di consueto, prova soluzioni alternative nel triangolo di centrocampisti: stavolta tocca a Vecino e Brozovic aggiungersi a Borja Valero, che pare l’unico inamovibile. Cambiano gli uomini ma mai il ritmo: palla lenta, palleggio faticoso e che non trova mai uno sbocco. La prima accelerazione di un centrocampista si vede al 45’, con Vecino, e sugli sviluppi arriverà il palo di Brozovic, fin lì evanescente. Il croato ha i colpi, ma non sa cosa sia la continuità, nemmeno in 90’. Non che lì in mezzo i compagni facciano molto più di lui: l’unico che sembra avere sempre la possibilità di creare qualcosa è Perisic, mentre Icardi ne tocca poche, ne difende meno, non c’è mai sui cross, anche i pochi che arrivano in zona.

PAURA GENOA — Il Genoa si piazza lì ordinato e paziente, Rossettini mette sorprendentemente la museruola a Icardi, pian piano si prova qualche sortita e arrivano una palla buona per Pellegri e un tiro da fuori di Taarabt. Pellegri non ripete i miracoli, ma per quasi tutta la gara è lasciato davanti al suo destino: per lo meno lotta. La qualità a disposizione di Juric non è molta (o almeno bisogna trovarla in giornata buona), e lo spavento preso la scorsa stagione pare indurre tutti a una dose di prudenza a tratti eccessiva. Ecco che così i
punti in classifica sono due, con due pareggi. A San Siro poteva arrivare il terzo, con Omeonga e Laxalt che nella ripresa hanno anche avuto occasioni per passare in vantaggio. Poi la “sbracata” finale, con il gol preso e i due rossi (Omeonga fermava Eder lanciato a rete). La strada è lunga, ma i compagni nella lotta per non retrocedere sono parecchi.

 

INTER-GENOA 1-0

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Dalbert; Vecino, Borja Valero (dal 27’ s.t. Karamoh); Candreva (dal 25’ s.t. Eder), Brozovic (dal 36’ s.t. Joao Mario), Perisic; Icardi (Padelli, Berni, Nagatomo, Ranocchia, Vanheusden , Santon, Gagliardini, Pinamonti).

All. Spalletti.

GENOA (3-4-2-1): Perin; Biraschi, Rossettini, Zukanovic; Rosi, Cofie, Veloso (dal 34’ s.t. Rigoni), Laxalt (dall’8’ s.t. Migliore); Omeonga, Taarabt; Pellegri
(dal 29’ s.t. Pandev) (Lamanna, Gentiletti, Centurion, Galabinov, Palladino, Brlek, Lazovic, Ricci, Salcedo).

All. Juric.

ARBITRO : Guida (Torre Annunziata ).
NOTE
: spettatori 50.037. Espulso Omeonga al 45’ s.t. per fallo su chiara occasione da gol, Taarabt al 47’ s.t. per gioco scorretto. Ammoniti:Zukanovic e Migliore per gioco falloso. Recuperi: 0’ p.t.; 4’ s.t.

 

http://www.gazzetta.it/

http://www.tuttosport.com/