Sampdoria – F. C. INTER : 0 – 1 (94' Brozovic)

GENOVA - L'inebriante rimonta contro il Tottenham ha spezzato forse definitivamente l'incantesimo negativo che sembrava aver avvolto l' Inter. Come già successo martedì, anche contro la Samp i nerazzurri piazzano la zampata decisiva nel recupero e chiudono la settimana con un successo che sbriciola le amnesie di inizio campionato. Brozovic al 94' fa esplodere la gioia dei tifosi ospiti e cancella con un tiro elegante la buona prova della Samp, abile a imbrigliare l'Inter annullando Icardi, ancora una volta per larghi tratti avulso dalla manovra offensiva. Protagonista assoluto del match il Var che cancella giustamente i due gol nerazzurri di Nainggolan e Asamoah.

PERISIC FUORI - Il turno infrasettimanale alle porte consiglia un po' di turnover: nell'Inter fuori De Vrij e Perisic, nella Sampdoria riposo per Barreto mentre Caprari e Kownacki, infortunati, non ce la fanno neanche per la panchina. Passano 22 secondi dal fischio d'inizio e Quagliarella prova ad aggiungere un'altra opera d'arte alla sua collezione di gol spettacolari, aggiornata da poco con il gol di tacco al Napoli: la
scelta della rovesciata è ineccepibile ma il pallone è troppo debole e fa solo il solletico ad Handanovic.

VECINO IMPRECISO - L'Inter prova a spingere ma offre il fianco alle ripartenze blucerchiate: all'11' Defrel pecca di egoismo, non serve Quagliarella e si fa murare dal corpo di D'Ambrosio. La palla finisce nel radar di Linetty che si vede deviare la conclusione in angolo. Con lo scorrere dei minuti la freccia del match si sposta verso gli uomini di Spalletti. Al 33', sugli sviluppi di una manovra lineare , Vecino spreca il colpo di testa da buona posizione. E' sempre l'uruguaiano il terminale 4 minuti dopo, quando D'Ambrosio offre una sponda interessante al centrocampista che non inquadra lo specchio. 

CALO SAMP - Il calo della Samp è palpabile ad approfittarne è Nainggolan: Ekdal respinge male un pallone al limite, il belga ringrazia e scaraventa in porta ma l'arbitro annulla per un fuorigioco nella fase embrionale dell' azione. Il primo tempo tramonta con un'altra azione potenzialmente pericolosa dell'Inter: Brozovic ha spazio per lo sparo ma dimentica la precisione nel tentativo di destro.  L'intervallo non funge da balsamo per i padroni di casa che paiono in rottura prolungata anche perché hanno avuto 24 ore in meno di riposo: al 49' ci pensa Candreva a speculare
sulle amnesie difensive degli avversari ma il suo morbido sinistro a giro tramonta sul palo interno. Dopo 56 minuti senza incidere, si staglia all'improvviso sul palcoscenico Icardi: colpo di testa velenoso, palla sull'esterno della rete.

CANDREVA PROTAGONISTA - Giampaolo vede che la squadra è in netta difficoltà e opta per il doppio cambio: fuori Praet e Linetty, dentro Jankto e Barreto. Sul fronte opposto Spalletti gioca la carta Perisic al posto di Politano. I cambi servono ai blucerchiati per rialzare leggermente il volume della fiducia ma è ancora l'Inter a rendersi pericolosa: apertura splendida di Nainggolan per il destro al volo di Candreva che sbatte contro la reattività di Audero. E' l'ultimo pallone toccato dall' ex laziale che lascia il posto a Keita, protagonista mancato dell'azione del 71'. Sul cross di Perisic, Icardi anticipa proprio il senegalese e mette fuori con il diagonale di testa.

EPIC BROZO - Si rivede la Samp in attacco al 76': la difesa nerazzurra non chiude su Quagliarella, abile a ideare un destro che fa scorrere un brivido sulla schiena di Handanovic. Intorno all'85' si susseguono due chance, una per parte: prima Quagliarella calcia fuori al volo, poi Skriniar sfiora il gol dell' ex. E' il preludio del secondo gol annullato all'Inter con il Var: Asamoah trafigge Audero ma il pallone era uscito oltre la linea di fondo in precedenza. Sul rovesciamento di fronte anche la Samp s'illude di aver sbloccatolo 0-0 quando Defrel segna in netto fuorigioco. Sembra l'ultimo squillo della contesa ma l'Inter come contro il Tottenham trova linfa vitale nel recupero e confeziona il blitz: sul cross da sinistra di Perisic, la difesa blucerchiata respinge su Brozovic che stoppa di petto e fredda Audero. Questa volta il Var non può strozzare l'urlo in gola di Spalletti che eccede nell' esultanza e viene cacciato dal quarto uomo. Niente che possa scalfire l'entusiasmo dell'Inter che aggancia a quota 7 la Samp e si riaffaccia nelle zone nobili della classifica.

 

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru; Linetty (14' st Jankto), Ekdal, Praet (14' st Barreto); Ramírez (47' st Sala); Defrel,
Quagliarella. A disposizione: Belec, Rafael, Vieira, Colley, Leverbe, Tavares, Ferrari, Stijepovic, Rolando.
All. Giampaolo

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, Miranda, Asamoah; Vecino, Brozovic; Candreva (35' st Keita), Nainggolan (38' st B. Valero), Politano (15' st
Perisic); Icardi. A disposizione: Padelli, Gagliardini, De Vrij, Lautaro, Ranocchia, Joao Mario, Dalbert. All. Spalletti

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.

MARCATORI: 49' st Brozovic (I)

NOTE: Ammoniti: Linetty, Defrel, Tonelli (S); Miranda, B. Valero (I). Recupero: 2' pt, 5' st.

http://www.corrieredellosport.it