Spal – F. C. INTER : 1 - 2 (Icardi 14' & 78')

Volere, volare. Con la solita sofferenza l'Inter batte 2-1 la Spal e vola al terzo posto in classifica. Un successo firmato Icardi e Handanovic: perché se il capitano firma la doppietta decisiva, è altrettanto fondamentale il vice capitano a salvare più volte il risultato nel primo tempo. Per la Spal arriva invece la quarta sconfitta consecutiva: immeritata, che fa male alla classifica ma non al morale e al futuro di una squadra che ha lottato fino all'ultimo contro una big e che il pareggio lo avrebbe anche meritato.

chi fa, chi disfa — Chissà se davvero i giocatori nerazzurri hanno messo la suoneria del cellulare con l'inno della Champions. Di sicuro l'approccio alla gara è giusto, convinto, come chiedeva Spalletti. E al primo affondo (14') l'Inter passa: uno-due Vrsaljko-Borja a destra, il croato serve rasoterra Keita che viene murato, ma sullo sviluppo dell'azione Vrsaljko trova un cross perfetto per Icardi. Torsione del capitano deviata dal braccio di Djourou che batte Gomis. Il capitano nerazzurro torna così al gol su azione in A che mancava dallo scorso 6 maggio a Udine. Ma la risposta della Spal è veemente. Petagna chiama Handanovic alla grande parata in tuffo, poi sull’azione seguente Miranda mette giù Felipe in area. Il rigore c'è (16'), non la trasformazione, con Antenucci che calcia clamorosamente a lato.

portieri in cattedra — Spalletti inverte Keita e Perisic, e l'ivoriano finalmente dà un cenno di vita rubando palla a Cionek e involandosi verso la porta, ma davanti a Gomis cerca l'assist per Icardi solo davanti alla porta sguarnita, facendosi stoppare dal portiere della Spal in tuffo. Al 39' altra occasione Inter: sull'angolo di Vrsaljko Vecino gira sul secondo palo, Cionek salva in spaccata anticipando anche Icardi a un passo dal raddoppio. Il finale di primo tempo è tutto della Spal, ma il protagonista diventa Handanovic salvando prima d'istinto sul tap-in ravvicinato di Felipe (44') e poi volando sul destro da fuori di Valoti.

ci pensa maurito — Nella ripresa subito un brivido per l'Inter, con Antenucci che non trova la girata di testa a pochi metri da Handa. Ma la palla gol più clamorosa se la divora Petagna (18'): rimpallo nell'area piccola Vrsaljko-Asamoah, il centravanti della Spal prima è bravo a liberarsi al tiro ma poi incredibilmente calcia fuori. L'Inter è in evidente difficoltà: Semplici toglie Antenucci (in serata no) per Paloschi, Spalletti risponde togliendo Keita (che si è giocato malissimo la nuova chance da titolare) e inserendo Politano. E Paloschi ripaga subito il suo allenatore, trovando il pari al 27': cross teso di Fares, Skriniar non aggredisce il pallone, Miranda si fa bruciare dall'ex Milan ed è 1-1, proprio un minuto dopo un'occasionissima sciupata da Nainggolan, su cui era stata decisiva una scivolata di Schiattarella a sporcare il pallone.

Spalletti prova la carta Lautaro: fuori Borja, Nainggolan si abbassa in regia e Martinez va a far coppia con Icardi. E Maurito (33') trova subito la zampata del nuovo vantaggio su splendida verticalizzazione di Perisic (fin lì quasi assente). Ma le emozioni non sono finite. Fares al 90' calcia
potente dal limite, Vrsaljko si immola in scivolata. Poi dall'altra parte è Gomis a dire no a Perisic. Prima della fine Politano fa in tempo a divorarsi un'occasione in ripartenza. È l’ultimo brivido. L'Inter centra la sesta vittoria consecutiva, la quarta in campionato, e si piazza da sola dietro a Juve e Napoli. Nei piani alti, lì dove Spalletti voleva trovarsi, in scia alle
due battistrada.

 

SPAL-INTER : 1 - 2

MARCATORI Icardi (I) al 14' p.t.; Paloschi (S) al 27', Icardi (I) al 33' s.t.

SPAL (3-5-2)
Gomis; Cionek, Djourou, Felipe; Lazzari, Valoti (dal 34' s.t. Everton Luiz), Schiattarella, Missiroli (dal 38' s.t. Moncini), Fares; Petagna, Antenucci (dal 21' s.t. Paloschi). (Milinkovic, Thiam, Bonifazi, Vicari,
Dickmann, Costa, Valdifiori, Vitale, Floccari). All. Semplici

INTER (4-2-3-1) Handanovic; Vrsaljko, Miranda, Skriniar, Asamoah; Vecino, Borja Valero (dal 32' s.t. L. Martinez); Keita (dal 21' s.t. Politano), Nainggolan, Perisic; Icardi (dal 36' s.t. Gagliardini). (Padelli, De Vrij, Ranocchia, D'Ambrosio, Dalbert, Joao Mario, Candreva). All. Spalletti

ARBITRO Maresca

NOTE ammoniti Lazzari, Valoti, Vrsaljko, Missiroli, Miranda, Schiattarella, Everton Luiz, Felipe

 

http://www.corrieredellosport.it