JUVENTUS – F. C. INTER : 1 – 0

PALO GAGLIARDINI, LA JUVE VACILLA - Si parte, con il minuto di silenzio per la scomparsa di Gigi Radice. L'Inter si presenta velenosa: 4-5-1 in fase difensiva e pressing intenso a soffocare la costruzione dal basso bianconera, che arriva comunque a far piovere palloni in area. Dybala ci prova di testa e di sinistro senza precisione, mentre Szczesny controlla due tiri senza pretese di Vrsaljko e Perisic resi pericolosi da deviazioni. Poca roba, ci si scalda di più per qualche fallo contestato almeno fino alla mezz'ora: giocata elegante di Politano che trova Icardi, sponda per l'inserimento di Gagliardini che si presenta solo davanti a Szczesny, diagonale che supera il portiere ma che viene fermato dal palo. La Juve vacilla, ancora Politano mette dentro un pallone che Skriniar (bravo a far partire l'azione 70 metri prima fermando Ronaldo) cicca e che Perisic colpisce, ostacolato però da Icardi, mandando fuori. 

BROZO-HANDA DECISIVI - Passato lo spavento, gli uomini di Allegri si riportano nella metà campo avversaria: Brozovic salva in scivolata sul piattone a botta sicura di Bentancur servito da Cancelo, dal corner Chiellini di testa sul primo palo con Handanovic a salvare lo 0-0, una rovesciata di Ronaldo esalta lo Stadium. Il finale di tempo è quasi tutto bianconero con Chiellini ancora pericoloso di testa e con il solo Politano a provarci su punizione dall'altra parte, troppo poco.

ICARDI SPRECA. MANDZUKIC NO - Si riparte senza cambi e con un errore di Matuidi a regalare a Politano una palla che il nerazzurro si vede respingere da Bonucci dopo un triangolo con Icardi. Dall'altra parte è Miranda a perdere un pallone incredibile a due metri dalla porta, con Dybala che è bravo a pressare l'avversario ma non altrettanto nel concludere al volo l'azione. Bentancur (diffidato), Perisic e Brozovic, volano gialli prima del cambio di Spalletti: fuori Politano - gran partita - dentro Borja Valero, per palleggiare. Una mossa che però si rivela controproducente: Cancelo è libero di avanzare sulla sinistra, il suo cross è perfetto per il taglio dentro di Mandzukic che sovrasta Asamoah e  infila in rete l'ormai canonica inzuccata in area piccola a poco più di venti minuti dalla fine. 

FINALE - Dentro Keita per Gagliardini, Douglas Costa per Dybala (sconsolato). Punizione di Perisic deviata in angolo, Lautaro Martinez per Joao Mario. Chiellini stoppa il diagonale di Keita, applausi per l'ingresso di Emre Can al ritorno dopo l'operazione alla tiroide (fuori Pjanic). Ronaldo non conclude una bella azione in contropiede con Matuidi, dall'altra parte Lautaro al volo nel recupero sfiora la porta: è l'ultimo sussulto, l'Inter si inchina alla regina del campionato e alla sua marcia senza soste.   

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Cancelo; Bentancur, Pjanic (37' st Emre Can), Matuidi; Dybala (27' st Douglas Costa); Mandzukic, Ronaldo. A disposizione: Perin, Pinsoglio, Benatia, Cuadrado, Rugani, Bernardeschi, Spinazzola. All. Allegri

INTER (4-3-3): Handanovic; Vrsaljko, Miranda, Skriniar, Asamoah; Gagliardini (25' st Keita), Brozovic, Joao Mario (32' st Lautaro); Politano (13' st B. Valero), Icardi, Perisic. A disposizione: Padelli, De Vrij, Vecino, Ranocchia, D'Ambrosio, Candreva. All. Spalletti

ARBITRO: Irrati di Pistoia

MARCATORI: 21' st Mandzukic (J)

NOTE: Ammoniti: Pjanic, Betancur (J); Perisic, Brozovic (I). Recupero: 1' pt, 5' st.

http://www.corrieredellosport.it