F. C. INTER – Sassuolo : 0 – 0

Spalletti non riesce a infrangere il tabù Sassuolo, anche se dopo tre ko consecutivi almeno strappa un pareggio. L'Inter inizia il girone di ritorno con uno 0-0 contro la squadra di De Zerbi, che ha giocato un'ottima partita e ha avuto le occasioni migliori per vincerla soprattutto nel finale, dopo tre sconfitte di fila tra campionato e Coppa Italia. Icardi non ha brillato, Nainggolan idem nella mezz'ora che gli ha concesso Spalletti. Alla fine il migliore in campo è stato Handanovic , che ha salvato il risultato. L'Inter aveva incassato sette sconfitte negli ultimi otto incontri con il Sassuolo: stavolta è un pareggio, ma se non è una bestia nera questa.

TANTI BAMBINI - A San Siro si gioca a porte chiuse per la seconda giornata a causa degli ululati contro Koulibaly , ma lo stadio non è completamente vuoto. Ci sono più di diecimila bambini ad animarlo, e in più è addobbato con tanti striscioni colorati con la scritta  "Buu", trasformata da ululato razzista ad acronimo che sta per "Brothers Universaly United " ("Fratelli universalmente uniti"). E' la campagna antirazzismo lanciata dall' Inter.


NAINGGOLAN IN PANCHINA - Ci si aspettava Nainggolan dall' inizio, invece il Ninja va in panchina. In attacco l'ex Politano e Perisic a sostegno di Icardi. De Zerbi invece si affida a Boateng, con Berardi e Djuricic. Partita subito viva e giocata a viso aperto dal Sassuolo . Al 14' Locatelli fa venire i brividi ad Handanovic con un diagonale che si perde di poco al lato. Pochi minuti dopo un destro velenoso di Boateng è deviato dal portiere nerazzurro. Dopo un buon momento del Sassuolo , l'Inter risponde con l'ex Politano , che al 31' si vede respingere un tiro a botta sicura da un grandissimo riflesso di Consigli . Al 40' è Vecino a sfiorare il vantaggio. Partita molto equilibrata, in cui non riesce a mettersi in luce il protagonista più atteso : Icardi .

IL SASSUOLO SFIORA IL COLPACCIO - Anche nella ripresa il Sassuolo parte forte e mette i brividi all'Inter: al 55' Boateng a due passi dalla porta schiaccia di testa ma trova un'altra super parata di Handanovic a negargli il gol. Cinque minuti dopo Spalletti si gioca la carta Nainggolan, al posto di Joao Mario. Al 70' arriva la prima giocata pericolosa di Icardi: un colpo di testa da buona posizione che esce abbondantemente. Le cose si complicano per De Zerbi, che in pochi minuti perde per infortunio due pilastri come Duncan e Sensi, sostituiti da Bourabia e Magnanelli. Spalletti inserisce Lautaro Martinez al posto di Politano per aumentare la spinta in attacco, e l'argentino va vicino al gol dopo pochi minuti. Ma nel finale è il Sassuolo a sfiorare il colpaccio, prima con Boateng e poi con Boga. Handanovic al 91' ci mette i pugni per evitare la sconfitta. L'Inter parte con il freno a mano tirato nel girone di ritorno, dopo tre vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia. Spalletti punta al Napoli, ma intanto è la Roma ad essersi avvicinata.

 

INTER (4-2-3-1) : Handanovic; D'Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino (37' st Borja Valero), Brozovic; Politano (36' st Martinez), Joao Mario (15' st Nainggolan), Perisic; Icardi. A disposizione: Padelli, Ranocchia, Gagliardini, Candreva, Dalbert, Miranda, Vrsaljko. Allenatore: Spalletti

SASSUOLO (4-1-4-1): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Sensi (31' st Magnanelli); Berardi, Duncan (28' st Bourabia), Locatelli, Djuricic (17' st Boga); Boateng. A disposizione: Babacar, Ferrari, Satalino, Pegolo, Brignola, Lemos, Adjapong, Dell'Orco, Matri. Allenatore: De Zerbi 

ARBITRO: Pairetto di Torino

NOTE: Ammoniti: Brozovic (C), Sensi, Rogerio, Peluso (S). Recupero: 2' e 3'. Calci d'angolo: 11-0 per l'Inter

 

http://www.corrieredellosport.it