Rapid Vienna – F. C. INTER : 0 – 1 (39' pt Lautaro Martinez)

LAUTARO MARTINEZ DECISIVO - L'ammutinato Icardi non è l'unico problema per Spalletti , che a Vienna si è portato tre Primavera per far fronte ai numerosi assenti. Brozovic e Skriniar sono squalificati, Joao Mario non convocabile. Al centro dell'attacco nel classico 4-2-3-1 di Spalletti , Lautaro Martinez ha il compito di sostituire il connazionale argentino rimasto a casa. Il "Toro" ha la prima grande occasione al 14', quando un lancio di Politano lo libera davanti a Strebinger, ma il controllo non è il massimo e facilità l'uscita del portiere. Un minuto dopo Nainggolan si guadagna una punizione dal limite che Perisic calcia alta sopra la traversa. L'Inter fa la partita ma a un ritmo troppo lento per impensierire il Rapid , che in casa non ha subito nemmeno un gol nella fase a gironi di Europa League.

Gli austriaci provano anche ad affacciarsi dalle parti di Handanovic, soprattutto con le discese sulla sinistra di Bolingoli , che creano qualche apprensione ai nerazzurri. Alla mezz'ora il Rapid Vienna rimane in 10 per qualche minuto perché Sonnleitner perde sangue dalla testa dopo uno scontro con De Vrij e deve farsi medicare a bordocampo. I nerazzurri però non alzano il ritmo. Il gol che rompe l'equilibrio arriva al 39': Lautaro si procura il rigore per un fallo ingenuo in area di Thurnwald, e lo realizza con un tiro centrale e potente. Il " Toro" sfiora la doppietta al 45' quando si ritrova il pallone tra i piedi su calcio d'angolo ma non riesce a inquadrare la porta.

IL RAPID ALZA IL BARICENTRO - Nella ripresa il Rapid Vienna prova ad alzare il ritmo alla ricerca del pareggio, ma l'Inter riesce a contenere bene. I nerazzurri sfiorano il bis al 60' prima con Politano, poi con Vecino. Al 65' la prima vera occasione per gli austriaci: Handanovic alza sulla traversa con un bel riflesso il tiro a colpo sicuro di Knasmüllner, appena entrato. I padroni di casa alzano il baricentro e sono un'altra squadra rispetto a quella del primo tempo. L'Inter si difende e prova a pungere in contropiede: al 74' Nainggolan spreca un assist prezioso di Perisic. 

 

RAPID VIENNA (4-4-1-1): Strebinger; Potzmann, Sonnleitner, Hofmann, Bolingoli-Mbombo; Thurnwald (8' st Schobesberger), Grahovac (19' st Knasmuller), Ljubicic, Ivan; Scwhab; Berisha (37' st Murg). A disposizione: Muldur, Martic, Auer, Knoflach. Allenatore: Kuhbauer

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cedric, de vrij, Miranda, Asamoah; Vecino, Valero; Politano (33' st Candreva), Nainggolan (38' st D'Ambrosio), Perisic; Martinez. A disposzione: Padelli, Ranocchia, Schirò, Nolan, Roric. Allenatore: Spalletti

ARBITRO: Stieler (Ger)

MARCATORI: 39' pt Lautaro Martinez (I, su rig.)

NOTE: Ammoniti: Sonnleitner, Hofmann, Berisha, Potzmann (R); Martinez, Cedric, D'Ambrosio, Candreva (I). Recupero: 3' pt, 4' st.

http://www.corrieredellosport.it